Rischi finanziari

World Duty Free Group, attraverso un processo organizzativo e sistematico, ha adottato un sistema proattivo di gestione del rischio, per fornire al Consiglio di Amministrazione e alla direzione degli utili per il processo decisionale, che permettano loro di prevedere e di gestire gli effetti di quei rischi e, in genere, di controllarli.

Rischi connessi alla concentrazione delle attività di WDFG nel Regno Unito e in Spagna

Considerato l’apporto fondamentale delle concessioni nel Regno Unito e in Spagna ai ricavi di WDFG, che per il 2013 rappresentano circa il 74,1% dei ricavi complessivi, la perdita o il mancato rinnovo di tali concessioni, ovvero il verificarsi di qualsiasi evento o circostanza che abbia un impatto negativo sul volume dei passeggeri che transitano negli aeroporti del Regno Unito e della Spagna nei quali il Gruppo opera (in particolare Londra Heathrow, nonchè Londra Gatwick, Madrid Barajas e Barcelona El Prat) produrrebbe, un significativo effetto negativo sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria di WDFG.

Le concessioni in essere nel Regno Unito ed in Spagna hanno una scadenza prevista a partire dal 2020, ed il Gruppo opera in maniera proattiva al fine di mitigare tale rischio, tramite la diversificazione delle attività attraverso l’acquisizione di nuovi contratti, sia all’interno che all’esterno del Regno Unito e della Spagna, e il rinnovo dei contratti preesistenti.

Per raggiungere tali obiettivi, WDFG monitora costantemente i contratti in scadenza e gestisce le relazioni con i propri concedenti in modo da individuare e cogliere eventuali opportunità di sviluppo in aeroporti dove sono in essere attività di retail.

Rischi connessi all’aggiudicazione, al rinnovo e al mantenimento delle concessioni di WDFG

WDFG svolge la propria attività principale prevalentemente in forza di contratti di concessione aventi ad oggetto il diritto di operare in alcune aree commerciali aeroportuali. Le concessioni costituiscono l’asset fondamentale di WDFG e, di conseguenza, la strategia si incentra sul rinnovo delle concessioni esistenti e sull’aggiudicazione di nuove concessioni.

Inoltre, a causa dell’elevata concorrenza nel settore, in caso di nuove aggiudicazioni e/o rinnovi di concessioni, le condizioni contrattuali previste dai concedenti potrebbero essere meno favorevoli di quelle attualmente in essere.

WDFG opera in maniera proattiva al fine di mitigare il rischio di non aggiudicarsi nuove concessioni, di non rinnovare quelle esistenti o di non mantenere la profittabilità delle concessioni.

In particolare il Gruppo lavora costantemente, con il supporto dei propri concedenti, all’analisi dell’andamento del traffico dei passeggeri e delle esigenze dei consumatori in modo da proporre la migliore offerta e gestire in maniera efficace i punti vendita Travel retail e Duty Free in essere. Ciò significa rivedere costantemente l’offerta dei prodotti e gli standard dei servizi resi in modo da renderli sempre competitivi in termini di qualità e di prezzo e adeguati alle esigenze dei consumatori con differenti abitudini di spesa.

Si rileva che, in alcuni casi, i contratti di concessione in vigore possono essere risolti o venire comunque meno per diverse ragioni – alcune delle quali al di fuori del controllo di WDFG – tra cui l’annullamento da parte delle autorità o dei tribunali competenti, o il mancato rilascio da parte dei concedenti della preventiva approvazione in caso di operazioni straordinarie che comportino una modifica nel controllo societario di una società appartenente a WDFG.

In generale, il Gruppo mitiga tale rischio seguendo un approccio focalizzato alla costruzione e mantenimento di chiari accordi di partnership a lungo termine con i concedenti, in parte basati sullo sviluppo di soluzioni commerciali che massimizzino il profitto complessivo.

Rischi connessi ad eventi che possono influenzare il traffico passeggeri e la loro propensione alla spesa

L’attività di WDFG è principalmente legata alle vendite a passeggeri in transito negli aeroporti in cui il Gruppo è presente. L’andamento del Gruppo, pertanto, è influenzato dall’evoluzione nella propensione alla spesa dei viaggiatori e connesso in maniera significativa alle variazioni nel numero dei passeggeri. Sia la propensione alla spesa dei viaggiatori che il traffico passeggeri sono altamente sensibili all’andamento della situazione economica generale ed alle sue tendenze, ed in particolare all’andamento generale della fiducia dei consumatori, alla disponibilità ed ai costi del credito al consumo, all’inflazione o alla deflazione, agli interessi e ai tassi di cambio e ai livelli di disoccupazione.

In particolare, la propensione all’acquisto in aeroporto è fortemente influenzata dal rapporto di cambio della valuta del Paese di origine con quella del Paese di destinazione. Risulta essenziale monitorare il prezzo percepito dai clienti per effetto delle fluttuazioni nel tasso di cambio al fine di promuovere la vendita dei prodotti particolarmente conveniente in alcuni Paesi.
Operando in tutto il mondo, il Gruppo controlla costantemente i livelli di domanda e di offerta nei Paesi di origine e di destinazione, ai fine di identificare la convenienza percepita dal cliente da tassi di cambio favorevoli, mitigando di fatto tale rischio.

Inoltre, il traffico passeggeri è altamente sensibile anche ad altri eventi non controllabili da WDFG, come, per esempio: instabilità politica, atti terroristici o minacce degli stessi, ostilità o guerre, aumento dei tempi necessari per espletare i controlli di sicurezza, aumenti del prezzo del carburante, emergere di alternative al viaggio aereo (come i treni ad alta velocità), scioperi, turbative o sospensioni dei servizi forniti dalle linee aeree.

Eventi in grado di avere un impatto negativo sulla propensione alla spesa dei viaggiatori, sul tempo di loro permanenza negli aeroporti e sul traffico passeggeri, come quelli menzionati sopra, potrebbero provocare un calo nelle vendite di WDFG e, di conseguenza, un effetto negativo sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria di WDFG.

Rischi connessi alle variazioni della normativa relativa alla vendita di prodotti in regime duty-free ed al settore in cui WDFG opera
La possibilità di operare in regime duty-free rappresenta un vantaggio competitivo per WDFG rispetto ad operatori che non possano avvalersi di tale regime. Tuttavia, le autorità governative dei Paesi in cui WDFG opera potrebbero modificare o eliminare l’applicazione del regime duty-free per alcune categorie di prodotti, ovvero modificare il regime di imposizione fiscale applicato ai prodotti venduti in negozi tradizionali situati fuori dagli aeroporti, eliminando in tal modo parte del vantaggio competitivo del Gruppo.

Inoltre, qualora i requisiti per il rilascio, rinnovo o mantenimento di tali certificazioni, permessi e autorizzazioni dovessero essere modificati e WDFG non fosse in grado di adattarsi a tali nuovi requisiti, ciò potrebbe comportare la perdita da parte del Gruppo dell’autorizzazione ad operare in regime duty-free, in generale, in uno dei mercati in cui opera o solo in relazione a determinate categorie di prodotti.

In particolare, la vendita di tabacco è fortemente regolamentata e in generale le normative dei Paesi in cui il Gruppo opera o i relativi contratti di concessione impongono restrizioni alla pubblicità e alla vendita di prodotti legati al tabacco. Inoltre, un crescente numero di governi nazionali o locali hanno proibito, o hanno proposto di proibire, il fumo nei luoghi pubblici.
Considerando che la vendita di tabacco rappresenta una quota importante dei ricavi del Gruppo, se il Gruppo dovesse perdere la possibilità di vendere prodotti legati al tabacco in regime duty-free, in generale o in alcuno dei mercati in cui opera, o se l’inasprimento dei divieti di fumo dovesse causare una riduzione nella vendita di tali prodotti, la situazione economica, patrimoniale e finanziaria di WDFG potrebbe essere influenzata negativamente.

Al fine di mitigare tale rischio, con il supporto di esperti esterni, il Gruppo WDF è costantemente al corrente degli aggiornamenti in materie legali in modo da poter adattare i propri processi, procedure e controlli alle nuove normative e mantenere aggiornato il proprio personale dipendente. Inoltre, esso fa affidamento sul monitoraggio e controllo costanti della qualità dei servizi offerti nel rispetto degli obblighi legali e contrattuali.

Rischi connessi alla perdita di reputazione del Gruppo nei confronti di concedenti, clienti e autorità doganali e fiscali

L’elemento reputazionale sia nei confronti dei clienti che nei confronti dei concedenti riveste particolare importanza per WDFG. La reputazione del Gruppo presso i concedenti ed anche presso i clienti costituisce in particolare uno degli elementi determinanti sulla base dei quali i concedenti aggiudicano i contratti di concessione o ne stabiliscono il rinnovo.

La reputazione di WDFG presso i clienti potrebbe essere influenzata negativamente dalla riduzione della qualità percepita del servizio prestato, comportando perdita di attrattività e quindi di clientela; mentre la reputazione di WDFG presso i concedenti potrebbe risentire negativamente dell’incapacità del Gruppo di adempiere ai propri impegni contrattuali. Inoltre, l’immagine del Gruppo potrebbe anche essere danneggiata dalla condotta di terzi; ad esempio, per i Paesi in cui è presente mediante un accordo di gestione con partner locali, dalla condotta di tali partner.
In relazione a tali rischi, nel corso degli anni WDFG ha consolidato una buona reputazione sia presso i concedenti sia presso i clienti. Un’implicita attestazione della buona reputazione del Gruppo è rappresentata dalla capacità dimostrata negli anni di rinnovare i propri contratti di concessione in scadenza e di aggiudicarsene di nuovi.

Rischi connessi alle operazioni del Gruppo in mercati emergenti
WDFG è attivo in alcuni mercati emergenti, che nel 2013 hanno generato il 13,9% dei ricavi consolidati. La strategia del Gruppo contempla l’espansione in altri mercati emergenti che, tipicamente, presentano maggiori rischi rispetto ai mercati dell’area OCSE. Tra i rischi più rilevanti legati all’operare in tali Paesi, vi sono quelli derivanti dalla possibile interruzione delle attività a causa di fenomeni di instabilità politica o sociale, oltre a quelli connessi alla istituzione/applicazione di restrizioni agli scambi commerciali, circostanze queste che, ove si verificassero, potrebbero di fatto limitare la capacità del Gruppo di rimpatriare i profitti conseguiti.

Tali elementi di rischio, qualora si verificassero, potrebbero avere un impatto negativo sull’implementazione della strategia di WDFG in questi mercati.

Rischi connessi a determinate disposizioni contenute nei contratti di concessione sottoscritti dalle società di WDFG

I contratti di concessione di cui le società di WDFG sono parte contengono specifiche disposizioni che comportano limitazioni alla gestione delle attività nei relativi aeroporti, quali, a titolo esemplificativo, limitazioni alla gamma dei prodotti da offrire in vendita e alla politica dei prezzi da applicare.

Inoltre, i contratti di concessione conferiscono generalmente ai concedenti la facoltà, anche in assenza di un inadempimento contrattuale da parte del concessionario, di modificare unilateralmente alcune condizioni della concessione (talvolta senza che a ciò corrisponda un diritto a ricevere alcun indennizzo), invocando motivazioni legate all’interesse pubblico o alla sicurezza aeroportuale.
In forza di tali clausole, che comunque non riguardano la determinazione dei canoni concessori, i concedenti potrebbero, tra l’altro, variare l’estensione o l’ubicazione dei punti vendita di WDFG, circostanza quest’ultima che potrebbe ridurre il flusso dei passeggeri negli stessi.

La necessità di rispettare tali disposizioni potrebbe impedire al Gruppo, tra l’altro, di attrarre le esigenze e preferenze della clientela, circostanza che potrebbe influire negativamente sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria del Gruppo.
Sebbene esista tale rischio, nel corso degli ultimi tre esercizi nessuno degli accordi di concessione sottoscritti da WDFG è stato unilateralmente modificato da alcun concedente.

I contratti di concessione sottoscritti da WDFG , sono tipicamente per un periodo fisso e possono prevedere l’obbligazione di corrispondere dei canoni fissi minimi garantiti, non sempre in relazione ai livello dei ricavi o al flusso dei passeggeri. Qualora i ricavi generati da una concessione fossero inferiori a quanto previsto in sede di acquisizione della concessione (anche se dovuti ad un calo nel numero dei passeggeri o alle loro abitudini di spesa), la profittabilità della concessione potrebbe ridursi o diventare negativa per effetto dell’obbligo di corrispondere dei canoni minimi annui garantiti, ciò determinerebbe un effetto negativo sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria del Gruppo.

Rischi connessi all’approvvigionamento dei prodotti
I rischi connessi all’approvvigionamento dei prodotti sono riconducibili a due fattori principali: il grado di concentrazione che WDFG presenta nei confronti di alcuni fornitori e la criticità del buon funzionamento e della continuità della rete di approvvigionamento e logistica a garanzia di un assortimento completo, bilanciato ed efficace rispetto alle aspettative del consumatore.

Occorre tuttavia considerare che le aree commerciali situate negli aeroporti sono un canale di distribuzione ambito da parte dei fornitori, circostanza che aumenta il potere contrattuale di WDFG.Inoltre, con riferimento ai fornitori principali che siano brand partner del Gruppo, l’approccio di collaborazione seguito nei loro confronti può ridurre ulteriormente l’interesse di tali brand partner a sfruttare il loro eventuale potere contrattuale.